I Wu Ming, teste d’ariete del mondialismo paraculturale, sostengono in sostanza che il sottoscritto non ha mai letto Carlo Marx. Non so cosa abbiano letto e studiato costoro. Mi limito a ricordare che di Marx ho tradotto e commentato almeno 6 opere per Bompiani. Su Marx ho scritto almeno 20 articoli scientifici e almeno 5 monografie. Ad maiora.


«Solo in quanto io posso considerare questo stato come mezzo per il raggiungimento di uno stato migliore, come punto di passaggio a uno stato più alto e più perfetto, esso acquista un valore per me; io lo posso sopportare, rispettare, e realizzare lietamente in esso ciò che mi spetta, non per questo stato stesso ma nella speranza di un meglio che esso prepara». (J. G. Fichte, La destinazione dell’uomo)

fonte diegofusaro.com

Rispondi