L’allarme sicurezza strutturale degli edifici scolastici in Sicilia, sollevato tra gli altri anche dal Codacons, incombe in prossimità dell’inizio del nuovo anno scolastico. Il governo Musumeci ha già provveduto a finanziare gli enti locali per l’espletamento delle verifiche antisismiche e ha promosso un bando per interventi di ristrutturazione e recupero in sicurezza degli edifici scolastici. Ad ottobre sarà definita la graduatoria delle opere immediatamente finanziabili, a valere sul piano triennale 2018-2020. In proposito interviene l’assessore regionale alla Pubblica istruzione, Roberto Lagalla, che afferma: “Sono evidenti i ritardi accumulati negli ultimi anni e purtroppo sono tali da non poter immaginare soluzioni miracolistiche, nè tanto meno estemporanee. E’ ovvio che le lezioni scolastiche dovranno essere avviate in una condizione di massima tutela della sicurezza degli studenti e, in questo ambito, è preponderante il ruolo degli enti territoriali, con i quali l’Amministrazione regionale continuerà a confrontarsi nei prossimi giorni. Da parte del governo regionale, non mancherà ulteriore disponibilità e continuità di interlocuzione anche con le istituzioni dello Stato preposte alla tutela dell’incolumità pubblica. L’intento del governo è, chiaramente, quello di garantire agli studenti siciliani e alle loro famiglie un sereno andamento dell’anno scolastico, che inizierà regolarmente il 12 settembre, come già previsto”.

Rispondi