Piano Battaglia. Manca sempre qualcosa per……

Vien da ridere quanto ogni anno puntualmente compare la neve e. dal cilindro esce fuori che manca qualcosa per poter far funzionare a dovere ciò che di normale dovrebbe essere. Una riflessione che mette chiaramente di fronte che, tutto ciò è una malattia perenne di un sistema che non esiste certamente o che se ne frega se, qualcuno dall’altra parte della barricata faccia dei sacrifici per poter dare o mettere al servizio un impegno o un investimento costante negli anni a favore di una fascia di persone a cui piace divertirsi tra neve,passeggiate e/o escursioni.
Dopo undici mesi dalla richiesta di affidamento, dalla gestione pubblicitaria, da spese fatte, dalla promozione del sistema territoriale, la Piano Battaglia srl si trova punto e a capo. Quando arriva finalmente il pane (neve) e dunque il momento di iniziare a fare cassa per coloro che vivono di questo, ci si deve imbattere alla burocrazia e autorizzazioni che frenano l’avvio degli impianti di risalita, trainando tutto il mondo locale e il sistema parassito di un marciumi che orma è all’ordine del giorno in tutti i campi. A cosa serve parlare,promuovere il territorio, parlare di destagionalizzazione, fare riunioni,convegni,proposte e quant’altro se, al momento di sbracciarsi si nota sempre la solita manfrina e la solita negligenza accompagnata dal solito sistema di competenze che non vuole cambiare ?
Un sistema parassita che vigila e vive sul territorio e differente se, il tutto fosse successo a Cortina,o al Sestriere. Uno scarica barile di carte e provvedimenti gestionali e/o di competenza che dovrebbero arrivare anticipatamente alla stagione invernale, per essere attivi sin dalla prima neve o “papacchiata” come si dice nel “gergo siciliano”. Peccato vien da dire ma , ormai forse dobbiamo prendere atto che la realtà dei fatti è questa e i sogni e il sistema politico che si vede in altre parti rimane sempre un sogno o un progetto irrealizzabile per una Sicilia che chiede e vuole tanto.

Antonio David

Rispondi