È andata a fuoco anche la piattaforma di stoccaggio dei rifiuti differenziati di Licata, gestita dalla Omnia s.r.l. di Valerio Peritore.

È il terzo centro di raccolta distrutto dalle fiamme nell’Agrigentino nel giro di un mese. È difficile da accettare l’idea, a questo punto, che si tratta di autocombustione. In quest’ultimo caso ad essere stata divorata dalle fiamme è una delle più grandi piattaforme siciliane per il riciclo di apparecchiature elettroniche, di materiale elettrico e di legno. Nei due casi precedenti invece sono stati inceneriti due centri che si occupavano della raccolta di carta, cartone, plastica, alluminio e vetro.

A questo punto, nel versante orientale della provincia di Agrigento, l’unico centro che rimane integro è quello gestito a Ravanusa dai Fratelli La Rocca che, recentemente, hanno ricevuto, tra l’altro, un finanziamento di 3 milioni e mezzo di euro di fondi europei, ottenuti a sportello, attraverso una semplice istanza. Mentre nel 2012, sempre i giovani La Rocca, erano stati garantiti, grazie ad un prestito agevolato di 2 milioni e mezzo e l’assegnazione di un capannone, da Giuseppe Catanzaro, ex gestore della mega discarica di Siculiana, nonché ex presidente di Confindustria Sicilia, attualmente sotto inchiesta presso la Procura di Caltanissetta per associazione a delinquere, corruzione ed altro. C’è chi sostiene addirittura che i La Rocca siano, in un qualche modo, soci dei Catanzaro. Una cosa è certa: dopo la parziale chiusura della mega discarica di Siculiana- Montallegro, e dopo gli incendi che hanno distrutto gli altri centri di raccolta dei rifiuti differenziati, più di 20 comuni agrigentini hanno stipulato le loro convenzioni con EKOFACE, la società gestita da Gero La Rocca, presidente dei giovani industriali siciliani, per volere di Giuseppe Catanzaro. Giova ricordare che il Catanzaro è stato delfino e successore dell’ex presidente di Confindustria Sicilia, Antonello Montante, attualmente recluso presso il carcere Petrusa di Agrigento.

Queste sono le nostre immagini, in esclusiva, dell’incendio della piattaforma di stoccaggio dei rifiuti di Licata andata a fuoco

Rispondi