Il Napoli il fuoriclasse c’è l’ha in panchina come sempre ha detto il suo presidente ma purtroppo Carletto non può metterla dentro e nemmeno si può sostituire ai suoi giocatori. Alla lunga o prima o poi tutto viene a galla e tutto rientra nei limiti stabiliti dal periodo da infortuni, da rosa, di giocatori, di fortuna e quant’altro. Se fin d’ora il bel gioco del Napoli ha fatto divertire un po’ tutti certamente questo non può sempre portare punti o vittorie nei bilanci annuali e se dopo anni di bel gioco a firma di Sarri e ora di Ancelotti non si riesce (ad oggi) ad andare avanti negli obiettivi stagionali con “titoli” o meno, qualche pensiero devono porselo o napoletani, anche perché gli altri….. l’hanno capito.

La partita di Coppa Italia con il Milan ha messo in evidenza il nuovo che avanza e cioè il Piatek neo bomber dei rossoneri che stende il Napoli con due gol da favola. Tecnica e potenza al servizio del gioco è soldi apparentemente spesi bene nelle prime partite. Il polacco viene dal Genoa dove ha fatto bene a suon di gol, quindi centravanti di razza e non di occasione, i suoi 21 gol sin d’ora sono un bel biglietto da visita.  Napoli basato dal suo gioco prevedibile e nelle serate di Insigne e Milik che se presi bene limitano il loro gioco è quello della squadra.

Ripresa meglio per i partenopei che mantengono palla ma con concludono più di tanto con qualche pensierino per Donnarumma. Male koulibaly il peggiore in campo e questo stata significare che quando non gira qualcuno si fa fatica a portare avanti la baracca. Napoli fuori dalla Coppa dunque per un appuntamento sfumato e che poteva essere un buon biglietto da portare fino in fondo.

Antonio David

Rispondi