Alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento

Via Mazzini n. 179 – 92100 Agrigento (AG)

Pec: prot.procura.agrigento@giustiziacert.it

Oggetto: Esposto-denuncia per abuso in atti d’ufficio ASP Agrigento.

Questa Segreteria Regionale ha già trasmesso, in data 14 settembre 2018, alla Procura Regionale della Corte dei Conti segnalazione-denuncia per possibile danno erariale da parte della ASP di Agrigento.

Tale segnalazione-denuncia del settembre 2018, richiamava una precedente segnalazione-denuncia inerenti i medesimi fatti e inviata alla Procura Regionale della Corte dei Conti in data 7 agosto 2017, con la quale si segnalavano comportamenti palesemente contrari al principio generale del buon andamento della Pubblica Amministrazione sancito dall’articolo 97 della Costituzione, e più specificamente al dettato normativo secondo il quale l’affidamento a soggetti esterni di un incarico professionale, qualunque esso sia, deve essere effettuato dopo aver verificato che non sia possibile espletare l’attività oggetto dell’incarico utilizzando risorse interne, per evidenti ragioni di economicità.

Nonostante l’evidenza dei fatti riferiti nelle sopra citate segnalazioni, rimaste ad oggi senza riscontro, l’Amministrazione in oggetto persevera nei comportamenti segnalati, indifferente alle reiterate diffide da parte di questa Organizzazione Sindacale, che non rinuncia a svolgere un ruolo che ritiene doveroso di vigilanza sul corretto impiego delle scarse risorse disponibili, visto tra l’altro che proprio in conseguenza della oggettiva scarsità delle stesse, la dirigenza medica che questa organizzazione rappresenta e tutela è costretta ad un impegno che spesso trascende i limiti delle stesse norme contrattuali.

Con Delibera 1681 del 05.09.2018 l’Amministrazione ha confermato l’ulteriore proroga, già attribuita con Delibera 1219 del 21.06.2018, dell’incarico di Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione, conferito con Delibera 939 del 16 giugno 2015 ai sensi dell’articolo 15-septies del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 al dottor Carmelo Alaimo.

Rispondi