Basta con gli abusi amministrativi per ragioni esclusivamente ideologiche

“Reputiamo inaccettabile la decisione del sindaco Orlando di iscrivere quattro migranti all’anagrafe, contravvenendo apertamente e deliberatamente alle disposizioni del decreto sicurezza”. Esordisce così Nicola Di Matteo, Coordinatore Nazionale del Popolo della Famiglia, che aggiunge: “non è ammissibile per un sindaco della Repubblica Italiana venire meno al rispetto ed all’osservanza di una legge dello Stato. Dopo la trascrizione all’anagrafe dei figli di coppie omosessuali, anch’essa in aperto contrasto con la vigente normativa in materia di adozioni, un ulteriore abuso del ruolo di amministratore nell’applicazione della legge.”
“Sia garantito il rispetto dei ruoli e dei poteri dello Stato, a tutela della democrazia e della legalità”, ha concluso lo stesso Di Matteo.

Palermo, 4 febbraio 2019

Rispondi