Vi è anche Raffaele De Lipsis, ex presidente del Consiglio di giustizia amministrativa per la Sicilia tra altre persone arrestate ai domiciliari oggi nell’ambito dell’inchiesta su alcuni casi di corruzione in atti giudiziari. Secondo quanto emerso dalle indagini, De Lipsis, inquisito anche nell’ambito dell’inchiesta su Girgenti Acque, è indagato di avere intascato una tangente per pilotare una sentenza in un procedimento dove la controparte è stato l’avvocato catanese Pietro Amara, già arrestato l’anno scorso nell’ambito di una inchiesta della Procura di Messina (con collegamenti con Siracusa) e che adesso collabora attivamente con i magistrati insieme all’avvocato Giuseppe Calafiore, anche lui inquisito.

Rispondi