Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il ministro per le Infrastrutture, Danilo Toninelli, in visita al mattino di oggi a Caltanissetta al cantiere ancora in itinere della strada statale 640 Agrigento – Caltanissetta, in occasione del riavvio dei lavori dopo il blocco provocato dalla crisi e dall’accesso al concordato dell’impresa titolare dei lavori, la Cmc di Ravenna. Nell’ambito delle trattative, le imprese creditrici della Cmc di circa 50 milioni di euro, tra forniture e servizi, hanno accolto l’invito a riattivare i cantieri per non provocare la rescissione dei contratti, ed ottenendo i primi anticipi sul pregresso dall’Anas. Conte e Toninelli sono accolti dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, che afferma: “Dalla visita del presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte ci aspettiamo, finalmente, un’attenzione dello Stato alla Sicilia. Lo chiedono i cittadini, le imprese, lo chiedono gli operai, lo impone il buon senso”. Ed il sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, afferma: “La statale 640 è un’opera che, una volta ultimata, sarà un’infrastruttura di collegamento indispensabile con le principali direttrici regionali. Per tale ragione era partita da Agrigento la protesta di 42 sindaci per lo sblocco di questo e di un altro importante cantiere, quello della Agrigento-Palermo. Mentre c’è una parte d’Italia che dibatte dell’alta velocità o di strade a 3 e 4 corsie, qui si attende da anni che l’indispensabile diventi realtà e di propositi e di annunci ne abbiamo sentiti davvero tanti. Questa sia l’ultima riapertura e si dia finalmente addio a semafori, interruzioni, deviazioni, perché la pazienza dei siciliani è stata messa duramente alla prova”.

Rispondi