Su base annuale, quindi, l’aumento del debito pubblico italiano è di 70 miliardi

Debito pubblico, nuovo record a febbraio: sale a 2.363,685 miliardi

FacebookTwitterLinkedInFlipboardWhatsAppEmailPrint

Nuovo record per il debito pubblico italiano a febbraio che, seppur di poco, ha superato i 2.363,496 miliardi di gennaio: 2.363,685 miliardi. Se si guarda a quel che succedeva un anno prima, il monte del debito era 2.293,616 miliardi. Su base annua, quindi, l’aumento è di 70 miliardi. E’ quanto evidenzia la Banca d’Italia nel Supplemento al Bollettino statistico “Finanza pubblica, fabbisogno e debito”.

Per quanto riguarda il debito in mano agli investitori esteri, l’ultimo dato disponibile di gennaio si attesta a 702,813 miliardi di euro, in leggera ripresa da 681,892 miliardi di dicembre, ma ancora lontano dal picco di 774,905 miliardi nell’aprile 2018. La parte di titoli, verosimilmente Btp e altri titoli di Stato, ammontava a gennaio a 650 miliardi, anche in questo caso in ripresa dai 630 del mese precedente. Per quanto riguarda i dati annuali, rispetto ai dati diffusi lo scorso 15 marzo, il debito è stato rivisto questa mattina al rialzo di 0,8 miliardi nel 2016, 5,5 miliardi nel 2017 e 5,3 miliardi nel 2018, nelle stime di Banca d’Italia.

“Le revisioni riflettono principalmente l’ampliamento del perimetro delle Amministrazioni pubbliche definito dall’Istat in accordo con l’Eurostat”, spiega Bankitalia. Il riferimento è al nuovo conteggio del novero delle Pa, che già nei giorni scorsi aveva fatto scattare delle rivisitazioni dei recenti numeri di finanza pubblica sia da parte dell’Istat che della stessa Banca centrale.

Rispondi