Un corposo gruppo di 130 uomini del Servizio Centrale Operativo di Roma, delle Squadre Mobili di Palermo e di Trapani e del Reparto Prevenzione Crimine di Palermo, con il supporto di un elicottero del Reparto Volo di Palermo, hanno perquisito all’alba edifici e abitazioni di persone ritenute legate al boss latitante.Un’operazione sul territorio che ancora una volta ha ome obiettivo l’arresto del latitante ricercato da 27 anni

Numerose le perquisizioni a Castelvetrano, Mazara del Vallo, Partanna, e Campobello di Mazara, finalizzate a colpire la rete di fiancheggiatori del latitante Matteo Messina Denaro e a raccogliere ulteriori elementi utili alla sua cattura.

Questi i nomi dei 19 indagati odierni e frutto
dell’indagine condotta dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Paolo Guido

Agate Giovanni nato a Castelvetrano 52 anni,  Amaro Antonino nato a Castelvetrano 44 anni, Arimondi Raffaele nato a Castelvetrano59 anni, Asaro Giovanni nato a Mazara del Vallo 63 anni, Burzotta Luca nato a Mazara del Vallo 57 anni, Cognata Antonino nato a Campobello di Mazara, D’Incerto Adriana nata a Castelvetrano 39 anni, Furnari Leonarda nata a Castelvetrano, Gaiazzo Vito nato a Mazara del Vallo 64 anni, Giglio Leonardo nato a Vita 54 anni, Indelicato Vincenzo nato a Castelvetrano 50 anni, Ingoglia Antonino nato a Trapani 57 anni, Lombardo Katia nata a Castelvetrano 40 anni, Mario Mangiaracina nato a Castelvetrano, Messina Pietro nato a Castelvetrano 64 anni, Moceri Andrea nato a Campobello di Mazara 61 anni, Napoli Onofrio nato a Partanna 60 anni, Piazza Antonino nato a Mazara del Vallo 57 anni, Risalvato Errico nato a Castelvetrano 67 anni

Diversi indagati sono già finiti in in varie inchieste giudiziarie legate a vario titolo a vicende di mafia. Un altra operazione che ha visto molte perquisizioni.

Fonte: Prima pagina

Rispondi