Il Csm, il Consiglio superiore della magistratura, ha aperto una pratica a tutela della giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, nell’occhio del ciclone delle invettive a seguito della non convalida dell’arresto di Carola Rackete. L’apertura della pratica a tutela, richiesta al Comitato di presidenza del Csm, è stata firmata da tutti i consiglieri togati del Csm. La prima commissione dovrà ora esaminare e discutere la pratica.

Rispondi