Caro Ministro, vieni a prenderti la motovedetta, occupa tre posti barca, gli addetti ai pontili vivono di ormeggi. In questo modo è stata sancita la fine di un presidio di sicurezza al servizio del Nucleo Traduzioni di Trapani.

La motovedetta della Polizia Penitenziaria non è più in servizio, la base navale è chiusa, il costo di una traduzione, da Trapani a Favignana e viceversa, per portare i detenuti dal Tribunale all’ospedale, è altissimo. Le traduzioni con i mezzi di linea, sui quali la Polizia Penitenziaria non ha nessuno sconto, disturbano i turisti. Immaginate 5 agenti di polizia e un detenuto in manette tra i turisti. In quel momento il mare che unisce, per la sua intrinseca essenza, disegna un solco profondo tra uomini la cui comunanza è la dignità di essere uomini, e i cui diritti fondamentali sono inalienabili.

Costerà allo Stato circa 400 euro (un costo forfettario calcolato per biglietti, missioni, straordinari e buoni pasti).

Il carcere va chiuso e destinato a a Colonia Marina per poliziotti e famiglie… gli operatori tutti trapanesi saranno felici di operare nel carcere di Trapani.

Il Ministro intanto liberi il porto e faccia spazio ai diportisti.

Dott.Antonino Nicosia direttore OIDU

Rispondi