La Dia, la Direzione investigativa antimafia, di Trapani, e la Procura della Repubblica di Palermo, hanno sequestrato beni mobili ed immobili, terreni, quote azionarie e rapporti finanziari, per un valore complessivo di oltre 10 milioni di euro all’ex armatore Vittorio Morace, ex proprietario della compagnia di navigazione “Liberty Lines spa” ed ex presidente della squadra di calcio trapanese. Il provvedimento è firmato dal Procuratore Francesco Lo Voi e dal direttore della Dia, Giuseppe Governale, oltre che dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. I beni sequestrati sono quasi tutti riconducibili a Morace. Si tratta di quote della Liberty per 5 milioni e mezzo di euro, conti correnti per 2 milioni e 300mila euro, ed immobili per due milioni e 400mila euro. Al figlio di Morace, Ettore, sono state sequestrate quote della Liberty Lines per 175mila euro.

Rispondi