Il responsabile organizzazione del Partito Democratico, Stefano Vaccari, replica a quanto sostenuto dall’ex segretario regionale in Sicilia, Davide Faraone, ovvero che la Commissione nazionale di garanzia del Pd ha annullato la sua elezione a segretario perché lui è stato ed è contrario all’alleanza con il Movimento 5 Stelle. E tale tesi è stata poi rilanciata anche da Matteo Renzi e da Maria Elena Boschi. Ebbene, Vaccari afferma: “Il commissariamento del partito siciliano non è politico. La commissione di garanzia si è pronunciata esclusivamente sulla procedura che ha portato alla proclamazione di Davide Faraone segretario che è risultata palesemente viziata. Il commissario non ha nessun mandato politico per l’alleanza con i grillini o con qualsiasi altro soggetto politico. Le conclusioni della Direzione nazionale sono state chiare. Le scelte politiche locali saranno prese dai siciliani con un congresso da fare al più presto”.

Rispondi