Alla c.a. dell’Assessore Nello Hamel: stamane abbiamo avuto la sgradita sorpresa di ritrovare i mastelli del “secco residuo” pieni così come li avevamo depositati ier sera. Mia moglie (che di professione è Avvocato, quindi qualcosa la sa) ha chiamato l’ISEDA. Un operatore molto poco cortese (per non dire “porco”) adducendo che la discarica è piena e quindi niente ritiro (ma non dovrebbero informare l’utenza almeno con 24 ore d’anticipo?) le ha sbattuto il telefono “in faccia” dicendo «se aviti di lamintarivi vi l’ata pigliari cu Hamel e cu Comuni». Caro Assessore, questo è il frutto di una gestione dei rifiuti insensata, approssimativa e clientelare. Questo “stipendificio” chiamato ISEDA da oggi lavorerà in “emergenza” in quanto TUTTA la città è RICOLMA di rifiuti, di mastelli, di sacchi e sacchetti. Chi pagherà per questo? Ma noi, ca va sans dire! Come se già non bastassero le salatissime bollette che annualmente paghiamo. Credo, anzi SONO CONVINTO che la misura sia COLMA! Prego tutta la Giunta Comunale, sindaco Lillo Firetto in testa, di porre fine ad innaugurazioni, sfilate, banchetti ed altre amenità ed incentrare la campagna elettorale prossima ventura sul gravissimo problema dei rifiuti in città. Così non si può andare avanti! Se volete che il popolo vi creda amministratori capaci … questo è il momento di dimostrarlo: tirate fuori gli attributi e scrivete la parola FINE su questo immane scempio. Se le cose dovessero rimanere così, con quale coraggio andreste a chiedere consensi per la prossima legislatura? Fuori ci sono più di 40 gradi e la puzza che c’è in ogni angolo della città è insopportabile

Ho fatto “qualche foto” che posto di seguito: riguardano angoli e strade diverse della città (lo si può evincere dalle coordinate impresse). La gente è esasperata e non ne può più. Assessore Hamel passi alla storia come colui che ha risolto il problema dei rifiuti che sono una vergogna per Agrigento e non per colui che non ha saputo contrastare l’ISEDA ed i suoi dante causa! Di stima!

Giambattista Titta Salerno

Rispondi