Il presidente dell’Associazione nazionale testimoni di Giustizia, Ignazio Cutrò, ha aderito all’associazione antimafia “In movimento per la Legalità”. Lo stesso Cutrò afferma: “Ringrazio l’associazione ‘In movimento per la legalità’ e mi auguro sempre che non venga lasciato più solo nessun imprenditore che denuncia le mafie. Spero che la politica prenda coscienza che il contrasto alle mafie è una priorità per questo Paese. Per quanto ci riguarda noi faremo mille volte il nostro dovere di denunciare la criminalità organizzata, perchè lo Stato siamo noi cittadini, ma non è accettabile che una persona che difende le istituzioni nelle aule dei tribunali venga lasciato al suo destino, mettendo in pericolo non soltanto la sua vita ma pure quella dei suoi familiari”. E il presidente nazionale di “In movimento per la legalità”, il giornalista Nino Randisi, dichiara: “Siamo onorati dell’adesione di Ignazio Cutrò, certi che la sua battaglia è dalla parte giusta, così come lo è quella delle sorelle Napoli di Mezzojuso che hanno deciso anche loro di aderire alla nostra associazione antimafia”.

Rispondi