La Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Agrigento, presieduta dalla giudice Wilma Mazzara, ha respinto la richiesta di confisca dei beni di Angelo Di Giovanni, 47 anni, di Favara, condannato a 10 anni e 8 mesi di reclusione lo scorso 25 luglio nell’ambito della maxi inchiesta antimafia cosiddetta “Montagna”. Secondo il collegio giudicante “i presupposti della provenienza illecita dei beni, e della sproporzionalità rispetto ai redditi dichiarati, non risultano sussistenti”. Angelo Di Giovanni è difeso dall’avvocato Giuseppe Barba.

Rispondi