LE TEORIE DEL COMPLOTTO. Borrometi Gennuso Saviano Grasso Di Matteo Cafiero de Raho Trump New York Finanza nazimondialista sacerdotale servizi segreti italiani.

Non c’è legame tra tutti questi nomi,se non quello che scorre sul sottile filo che si chiama Repubblica Italiana.

Dentro la Repubblica Italiana sta la Regione Siciliana.

Regione Siciliana Intesa geograficamente come luogo di interesse strategico dapprima militare e poi negli anni interesse economico socio elettorale.

A margine sta un profeta dell’antimafia un giornalista d’assalto che è assolutamente incolpevole nell’aspetto esteriore e nella voce a sentirlo, dal nome Paolo Borrometi.

Ed ecco il filo di collegamento di tutta la vicenda in oggetto.

Lo scorso anno, dopo una mia denuncia ricevetti una visita con il conseguente avvelenamento di 15 cani che tenevamo da guardia nei pressi di casa.

Allora, ricordiamoci di quest’episodio, avvelenamento di cani avvenuto con un veleno chiamato formaldeide.

Dopo qualche anno vengo a conoscenza di uno scontro giornalistico tra i sostenitori del giornalista Paolo Borrometi ed i sostenitori dell’onorevole Pippo Gennuso.

Con una breve inchiesta e dopo aver sentito alcuni conoscenti delle zone dove risiedevano i due contendenti mi veniva soffiato che alcune vicende erano assolutamente inventate.

Mi preoccupavo così di formulare due articoli pubblicati su Facebook dove come da teoria del nostro gruppo che persegue la giustizia giusta al cui vertice sta l’avvocato Mauro Mellini e di cui fa parte anche il professore Salvatore Petrotto quello del libro Il sistema Montante, mi permisi di criticare in maniera piuttosto astratta la cosiddetta Antimafia della pagnotta.

Il risultato fu assolutamente simile a quello dell’anno precedente, ovvero all’accaduto dopo l’esposto nei confronti del procuratore Patronaggio.

Avvelenamento dei cani di famiglia.

Ma in questo caso l’avvelenamento non riguardò solo me quale artefice della protesta scritta e pubblica, ma l’accanimento degli avvelenatori si riversò nella medesima notte e con le stesse modalità nei confronti del contendente di Borrometi cioè lo onorevole Pippo Gennuso.

Anche per Pippo Gennuso avvelenamento con formaldeide avvenuto successivamente alla pubblicazione di un mio articolo, come venne l’anno precedente.

Andando avanti nel tempo lessi la notizia di numerose critiche mosse al Borrometi per la probabile assegnazione di un prestigioso premio giornalistico nella città di New York.

Qualcuno in Sicilia si sarà chiesto che cosa ci scoppa Borrometi a New York.

Qualcuno si ricorda di quel famoso Saviano scrittore di sinistra Antimafia anche lui come Borrometi che si dice abiti in un attico a New York, una coincidenza.

E mentre siamo in territorio di New York qualcuno si ricorda che il presidente Trump ha accusato apertamente in diversi video postati su YouTube, che in New York ci sono allocate le più grandi forze finanziarie ed economiche nemiche della politica nazionalista di Trump(politica a favore della conservazione delle tradizioni USA).

Trump con queste esternazioni si riferisce alla Finanza mondialista, anzi nazimondialista sacerdotale, che ha il suo quartiere generale nella borsa di New York.

Tornando all’Italia dopo essere passati da New York dobbiamo ricordare la difesa strenua di Saviano nei confronti della immigrazione incontrollata opposta da Salvini.

Passiamo agli ulteriori tasselli della storia complottista.

L’ex presidente del Senato Grasso peraltro amico di Borrometi, che è un ex magistrato.

E parlando di magistratura si arriva a di Matteo che da anni ha toppato con le indagini sulla strage Falcone e Borsellino e che inoltre è stato rimosso dal procuratore nazionale Cafiero de Raho.

Non è possibile ipotizzare alcun collegamento tra tutti questi personaggi.

Di ieri è la vicenda pubblico giornalistica dove Borrometi viene addirittura accusato di aver scritto il suo ultimo libro in maniera impropria.

La vicenda che sembra complessa è invece di una semplicità estrema.

Molto importante risulta ai fini di chiarimento anche una lettura del libro del professore Petrotto, dal titolo il sistema Montante.

” Stat montante pristine nomine nomina nuda tenemus” :

il sistema Montante benché decapitato continua in identico modo.

Francesco Bongiovanni

Rispondi