Nell’aprile del 2012 il Comune di Canicattì, per costruire 19 alloggi sociali, ha notificato ai signori A e P, e consorti, (sono le iniziali dei nomi) un atto relativo al pagamento di una indennità provvisoria di espropriazione dei terreni di loro proprietà, di 497 metri quadri, per 24mila e 172 euro. Poi nel settembre 2012 il Comune ha provveduto all’esproprio definitivo dei terreni. I signori A e P si sono rivolti all’avvocato Girolamo Rubino perché hanno ritenuto troppo esigua l’indennità di poco più di 24 mila euro. L’avvocato Rubino ha avviato innanzi al Tribunale di Agrigento il procedimento di determinazione definitiva dell’indennità. Il collegio dei tecnici nominato dal Tribunale ha aumentato l’indennità a 37mila euro. Tuttavia, gli avvocati Girolamo Rubino e Armando Buttitta, ritenendo ancora troppo esigua l’indennità riconosciuta, hanno presentato ricorso per opposizione a stima alla Corte d’Appello di Palermo. Ebbene, i giudici d’Appello, condividendo le tesi degli avvocati Rubino e Buttitta, hanno condannato il Comune di Canicattì al pagamento di una somma pari a 89mila e 460 euro. Il Comune di Canicattì pagherà anche le spese di giudizio, per 7.642 euro.

Rispondi