In Calabria si dovrebbe bandire l’accesso a tutti quei professionisti anti mafiosi che in fondo fanno paura quanto i mafiosi stessi. Mi viene lo sconcerto a pensare che uno come sandro ruotolo, nell’italietta dei nani considerato anche un giornalista di livello, possa dare lezioni di legalità a degli studenti di Cosenza… Gli lavano il cervello cosi li invitano ad emigrare prima, servendo il progetto di qualche speculatore internazionale multimilionario. Il livello è infimo, ma sfortunatamente la propaganda offre palcoscenici a personaggi come lui, che da una vita, tra un’ombra e l’altra, campa grazie alle mafie!!! Dovrebbe raccontare sandro ruotolo delle schifezze fatte insieme al fratello e a quell’altro grande professionista del giornalismo, puri indagato e puri pregiudicato di paolo pollicheni, (prematuramente scomparso e quindi “la morte ti fa bello…”). Antonio Giangrande scrive di fughe di notizie LETALI!!! “Il verbale al Copasir dell’ex braccio destro di De Magistris tira in ballo magistrati e giornalisti per fughe di notizie letali. Le accuse di Genchi colpiscono anche ANNOZERO e i fratelli RUOTOLO. L’audizione segretata al Copasir rivela le presunte diaboliche commistioni tra magistrati antimafia, protagonisti dello scandalo Telecom, e giornalisti autori di scoop che Genchi definisce DEVASTANTI e LETALI per le indagini sulla ndrangheta ( STRAGE DI DUISBURG, OMICIDIO FORTUGNO ecc.) Le fughe di notizie operate da pollicheni e dai fratelli ruotolo compromisero le indagini sulla strage di Duisburg – ” che ha determinato l’interruzione delle intercettazioni sulle persone di San Luca che si dovevano arrestare, che si sono resi latitanti, e che probabilmente sono state uccise per la mancanza di tempestività di un’azione giudiziaria. CHE È STATA VIOLENTEMENTE E BRUSCAMENTE INTERROTTA DA QUELLE FUGHE DI NOTIZIE.” ANTONIO GIANGRANDE MAFIOPOLI SECONDA PARTE: MAFIA QUELLO CHE NON SI OSA DIRE – PAG. 605

QUESTI SOGGETTI VENGONO IN CALABRIA A DARCI LEZIONI DI LEGALITÀ… MEDITATE GENTE

#adessoparloio #lacalabriacheresiste #nonsiamosoli #senzavergogna

CONDIVIDE E METTI 👍ALLA PAGINA #ADESSOPARLOIO

Rispondi