PER IL PRESIDENTE MUSUMECI: CAMPA CAVALLO CHE L’UNIVERSITA’ DI PALERMO MUORE!

PER IL PRESIDENTE MUSUMECI: CAMPA CAVALLO CHE L’UNIVERSITA’ DI PALERMO MUORE!

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci toglie dal bilancio 8 milioni e mezzo di euro, destinati agli studenti universitari palermitani, e li destina ad una tenuta di cavalli del suo paese.

Quando si dice campa cavallo che l’erba cresce!

La conseguenza di questo suo amore per i cavalli di Militello Val di Catania, suo paese natale è: niente borse di studio, niente posti letto, niente mensa per migliaia di studenti fuori sede che frequentano l’Università di Palermo.

Alla faccia del diritto allo studio!

Lo sottolinea il Comitato Spontaneo di Mobilitazione Studentesca, di recente costituzione, che precisa come, ad esempio, soltanto il 17% degli studenti fuori-sede, iscritti al primo anno, è risultato assegnatario di un posto-letto.

In un loro lungo comunicato, gli studenti palermitani che sono in stato di agitazione permanente precisano quanto segue:

“Il 17 Ottobre scorso sono uscite le graduatorie pubblicate dall’Ente Regionale per il Diritto allo Studio di Palermo degli studenti di primo anno (triennale, magistrale e magistrale a ciclo unico) aventi diritto ai benefici per A.A 2019/2020. I richiedenti risultati idonei sono 1343, mentre gli assegnatari – ossia quelli che ottengono materialmente un tetto sopra la testa – sono 232, il 17% del totale. Il primo Idoneo non assegnatario, il numero 233, HA UN ISEE DI 2.870,69 EURO.

Questo vuol dire, nei fatti, che all’83% degli idonei di primo anno non verrà garantito dall’ERSU un tetto sopra la testa e pertanto essi saranno costretti ad affrontare i primi mesi di lezione in condizioni disumane – sempre che ci riescano. In pratica, le Istituzioni hanno deciso di risponder loro, indirettamente, così: “Riconosciamo che hai difficoltà a pagarti una stanza e sappiamo che sul piano teorico andresti aiutato, ma malgrado ciò devi arrangiarti da solo, seguire i corsi da casa (rinunciando a lezioni ed esperienze) o abbandonare gli studi”.

Anche per gli anni successivi al primo la situazione è gravissima. Sia per quanto riguarda l’assegnazione dei posti letto, sia per le borse di studio e la mensa. Seppure il coefficiente ISEE per avere diritto a questi benefici è di 23.508.78 euro, migliaia di studenti universitari sono tagliati fuori, seppure dichiarati idonei.

E dire che lo scorso anno l’assessore regionale all’Istruzione, Roberto La Galla, aveva dichiarato che avrebbe assicurato la copertura finanziaria per garantire l’assegnazione delle borse di studio al 100% degli studenti aventi diritto! A Palermo, vengono garantiti poco più della metà degli studenti aventi diritto. Così migliaia di loro vengono esclusi ingiustamente e devono arrangiarsi come possono, o sono costretti ad abbandonare l’Università.

Senza uscir fuori dalla Sicilia, già a Catania la situazione è diversa.

A sottolinearlo è Nicoletta Petrotto, studentessa fuori sede iscritta al quinto anno di Lingue che nel dar man forte agli studenti palermitani scrive nel profilo facebook del neonato comitato studentesco palermitano quanto segue:

“Le mobilitazioni studentesche dello scorso anno a Catania penso proprio che siano servite a qualcosa! Mentre a Catania le assegnazioni per il posto letto quest’anno sono avvenute con largo anticipo ed è già stato avviato il primo scorrimento a Palermo tutto è fermo.

Per non parlare della disparità di percentuale delle borse di studio assegnate, più alta a Catania rispetto a Palermo.

Forse scendere in piazza, battersi, lottare per i propri diritti ha ancora la sua utilità?

Non posso che mostrare la mia più profonda solidarietà e stima agli studenti che hanno deciso finalmente di mobilitarsi e di battersi per i propri diritti anche a Palermo!”

Ma il presidente Musumeci tira dritto! E’ più forte di lui, è innamorato dei cavalli del suo paese.

Verrebbe da dire: ‘alla faccia del cacio-cavallo’, parafrasando il comico Totò.

Che vadano pure al diavolo gli studenti universitari fuori sede!

E chi se ne frega se infuria la protesta studentesca, con migliaia di studenti esclusi dal diritto allo studio, per la mancata assegnazione di alcuni milioni di euro all’ERSU, l’ente regionale commissariato dai tempi di Crocetta, ed il cui ultimo commissario è l’agrigentino Giuseppe Amodei. Musumeci, da febbraio ad oggi, lo ribadiamo, continua a raschiare il fondo del barile della Regione, ed a spendere e spandere oltre 8 milioni di euro, puntando sempre e comunque sui suoi cavalli vincenti: quelli del suo paese.

Salvatore Petrotto

Un pensiero riguardo “PER IL PRESIDENTE MUSUMECI: CAMPA CAVALLO CHE L’UNIVERSITA’ DI PALERMO MUORE!

  • ottobre 28, 2019 in 10:11 am
    Permalink

    È allucinante. Con costoro non andiamo da nessuna parte.

    Risposta

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: