Il governo è al lavoro sulla “fase 2”, quella della riapertura dell’Italia dopo il “lockdown” totale.

La data d’inizio è ancora incerta: potrebbe trattarsi del 4 maggio. Sulla parola d’ordine, invece, sono ci sono dubbi: è gradualità. Il processo che ci aspetta sarà lento, suddiviso in fasi successive e ancora pieno di regole. Saranno previsti turni per lavorare, turni per entrare nei negozi e ancora per diversi mesi dovremo indossare mascherina e guanti monouso, mantenendo la distanza di sicurezza di almeno un metro. Insomma, la riapertura di aziende e negozi non segnerà affatto il ritorno alla vita normale, quella pre-contagio. Perché il virus non scomparirà all’improvviso e dovremo conviverci.

Fonte: Corriere

Rispondi