articolo di Agostino Spataro

Spiace rilevare che alcuni settori della cd. “comunità scientifica”, che tanto affiatata ( e produttiva) non sembra visto che sull’emergenza Covid 19 non é riuscita a mettersi d’accordo sull’analisi e sul da farsi, così come taluni organi stampa, abbiano ignorato e/o messo in dubbio la serietà dell’annuncio del presidente della Federazione russa dell’avvenuta registrazione del primo vaccino denominato “Sputnik V”.

Ora, una cosa è la prudenza necessaria- come pare si stia procedendo- ben altra cosa é lo svilimento fazioso, pregiudiziale. Quasi fossero dispiaciuti di tale annuncio.

Forse perché si teme che tale “primazia” potrebbe nuocere agli enormi interessi delle grandi case farmaceutiche dominatrici del mercato del farmaco.

E’ bene ricordare che siamo davanti a una pericolosa pandemia che non si riesce a fermare, a contenere, anche per irresponsabilità di diversi governi, incapaci e reazionari, che l’hanno negata o sottovalutata. Un’emergenza drammatica che rischia di aggravarsi e di sfuggire al controllo se dovesse arrivare- come si teme-  una seconda ondata in autunno.

L’umanità intera é di fronte a un problema di vita o di morte. Solo il vaccino può scongiurare tale, terribile dilemma. E “questi” qui invece di cooperare per capire e agire meglio, si esercitano a seminare dubbi.

Ma si può essere così faziosi?

La gente aspetta, con ansia, il vaccino per salvarsi e sarà grata a chi glielo offrirà. E non guarderà al colore politico o all’appartenenza etnica dell’offerente. Purtroppo, siamo costretti ad assistere allo “spettacolo” di certi scienziati e commentatori, convinti di risolvere la tragedia restando a chiacchierare nei salotti televisivi, i quali mettono in dubbio il lavoro e la competenza altrui.

In questo caso degli scienziati russi, che vantano, per altro, una buona ed antica esperienza in fatto di virus, i quali, pur con tutte le difficoltà, hanno ottenuto questo importante risultato. Come detto dallo stesso presidente Putin ci saranno altre verifiche e – se tutto dovesse andare per il giusto verso- il vaccino sarà distribuito a gennaio del 2021. Fra sei mesi!

Infine, una notazione di ordine morale e politico. Nella loro faziosità i “re-censori” nostrani dimenticano il generoso contributo, in mezzi e personale specializzato, offerto al popolo italiano (nei mesi più acuti della pandemia) dalla Russia, da Cuba, dalla Cina e – cosa ancor più rilevante- non mostrano di apprezzare il fatto che fra i primi volontari della sperimentazione del vaccino russo c’é la figlia del presidente della Federazione russa. La qualcosa è, di per se stessa, una garanzia di serietà oltre che di  grande sensibilità, di coraggio che nessun altro capo di stato o magnate della finanza avrebbe/ha consentito. In queste drammatiche circostanze non si può pensare ai soldi, ai voti, ma solo e soltanto alla salvezza dei cittadini.

La pandemia è una brutta bestia che dobbiamo sconfiggere. Perciò l’unica cosa da fare, la priorità politica e scientifica é quella di cooperare, con spirito solidaristico, fra scienziati, Istituti e governi, ecc, di ogni continente per debellare il male e rimettere in moto le nostre società avvilite, l’economia in caduta libera, il sistema dei servizi sociali sottoposti a dura prova, ecc.

Agostino Spataro

 

“DOPO L’ANNUNCIO DEL VACCINO RUSSO: SOLO SOSPETTI E VERGOGNOSO SILENZIO”

Rispondi