“In occasione della riapertura della Scuola, ho voluto inviare a tutti gli
istituti un manuale gratuito che raccoglie il risultato dei lavori di
elaborazione del nuovo insegnamento dell’educazione civica realizzato lo
scorso anno all’allora Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della
Ricerca dal mio gruppo di lavoro di illustri esperti”. Così dichiara
l’ON.FIORAMONTI (MISTO), già Ministro dell’Istruzione, dell’Università e
della Ricerca.

“Nel 2019 – continua Fioramonti-, ascoltando l’appello delle giovani
generazioni di tutto il mondo che marciavano contro i cambiamenti climatici
e grazie alla Legge n. 92 “Introduzione dell’insegnamento scolastico
dell’educazione civica” che avevo già seguito da Viceministro, ho voluto
dare centralità al concetto di sostenibilità come nuovo percorso didattico
all’educazione civica, facendo dell’Italia un pioniere globale nel settore
dell’istruzione: la notizia della nostra iniziativa fece il giro del mondo,
dal New York Times e Le Monde fino ai giornali più remoti delle isole del
Pacifico”.

“Il modulo di insegnamento che abbiamo progettato è incentrato sul concetto
di “cittadinanza sostenibile” e si concentra su azioni pratiche che gli
studenti possono sviluppare per proteggere l’ambiente e promuovere la
consapevolezza culturale sul cambiamento climatico e il suo impatto sulla
società. È inoltre progettato per aiutare insegnanti e studenti a collegare
materie diverse (dalla fisica alle scienze naturali e alla geografia) e
sviluppare nuovi approcci alle tecnologie, attraverso un uso responsabile e
pragmatico”.

“Ringrazio i tanti esperti che hanno collaborato, da Jeffrey Sachs e Kate
Raworth ad Enrico Giovannini, da Jeremy Rifkin a Leonardo Becchetti, che
hanno messo a disposizione tempo e passione. Crescente è la domanda di
cambiamento, soprattutto da parte delle giovani generazioni. L’educazione
alla cittadinanza sostenibile è una modalità innovativa e partecipata per
costruire una società migliore”.

SCUOLA, FIORAMONTI: INVIATO OPUSCOLO SULL’INSEGNAMENTO DELL’EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA SOSTENIBILE, ANTIDOTO CONTRO LE CRISI AMBIENTALI. Roma, 1 settembre.

“In occasione della riapertura della Scuola, ho voluto inviare a tutti gli istituti un manuale gratuito che raccoglie il risultato dei lavori di elaborazione del nuovo insegnamento dell’educazione civica realizzato lo scorso anno all’allora Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca dal mio gruppo di lavoro di illustri esperti”. Così dichiara l’ON.FIORAMONTI (MISTO), già Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

“Nel 2019 – continua Fioramonti-, ascoltando l’appello delle giovani generazioni di tutto il mondo che marciavano contro i cambiamenti climatici e grazie alla Legge n. 92 “Introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica” che avevo già seguito da Viceministro, ho voluto dare centralità al concetto di sostenibilità come nuovo percorso didattico all’educazione civica, facendo dell’Italia un pioniere globale nel settore dell’istruzione: la notizia della nostra iniziativa fece il giro del mondo, dal New York Times e Le Monde fino ai giornali più remoti delle isole del Pacifico”.

“Il modulo di insegnamento che abbiamo progettato è incentrato sul concetto di “cittadinanza sostenibile” e si concentra su azioni pratiche che gli studenti possono sviluppare per proteggere l’ambiente e promuovere la consapevolezza culturale sul cambiamento climatico e il suo impatto sulla società. È inoltre progettato per aiutare insegnanti e studenti a collegare materie diverse (dalla fisica alle scienze naturali e alla geografia) e sviluppare nuovi approcci alle tecnologie, attraverso un uso responsabile e pragmatico”.

“Ringrazio i tanti esperti che hanno collaborato, da Jeffrey Sachs e Kate Raworth ad Enrico Giovannini, da Jeremy Rifkin a Leonardo Becchetti, che hanno messo a disposizione tempo e passione. Crescente è la domanda di cambiamento, soprattutto da parte delle giovani generazioni. L’educazione alla cittadinanza sostenibile è una modalità innovativa e partecipata per costruire una società migliore”.

Rispondi