Il Comitato dei genitori dell’istituto comprensivo Rita Levi Montalcini, plesso De Cosmi del Villaggio Mosè protesta, con le mamme e i papà che si dichiarano “allibiti al cospetto della inefficienza del Comune nel trovare una soluzione adeguata, a coniugare rispetto delle regole sul Covid e diritto allo studio dei propri figli. Il dirigente scolastico è dallo scorso luglio che chiede al comune i locali dove fare svolgere le lezioni in maniera completa e sicura. Dal Comune però solo silenzio, fino a qualche ora fa, quando palazzo dei giganti pubblica un bando per l’individuazione di locali da destinare allo svolgimento delle lezioni. Visti i ritardi il dirigente e il consiglio d’istituto che si è tenuto il 22 settembre hanno deciso che fino al 10 ottobre, in attesa di una risposta da parte del comune, si faranno i doppi turni. Le prime, le quarte e le quinte la mattina, le seconde e le terze il pomeriggio”. E ancora:”Considerato che la maggior parte delle famiglie hanno uno o più figli nello stesso plesso, tale situazione aggrava notevolmente la gestione familiare mettendo in serie difficoltà intere famiglie e soprattutto i bambini. All’incirca siamo 250 famiglie coinvolte in questo disastro. Per le famiglie con figli disabili la situazione è ancora più difficile in quanto i pomeriggi questi bambini saranno costretti ad interrompere le loro terapie. Se entro il 10 ottobre il comune non trovasse i locali, continueranno i doppi turni invertendo le classi”.
Ma non è tutto: “Ci sono famiglie che hanno i figli sia nel turno della mattina sia nel turno di pomeriggio, quindi impossibilitate a svolgere la normale attività lavorativa considerando che neanche l’orario è pieno ma ridotto. La soluzione del bando trovata dal Comune aggrava la vicenda, complicando con inutile burocrazia. Con una manifestazione d’interesse da parte di proprietari di strutture la faccenda si sarebbe risolta in fretta. Invece l’inizio della scuola per noi e i nostri figli è un dramma. Il Comune non si permetta di usare questa storia per farne merce di scambio per la campagna elettorale”.

Rispondi