In Sicilia in corso di attuazione due piani, uno nazionale e l’altro regionale, per aumentare i posti letto e fronteggiare l’emergenza covid. I dettagli.

La stampa nazionale e regionale siciliana rilancia il tema spinoso del tempo che è stato sprecato tra la prima e la seconda ondata della pandemia covid. E così adesso ci si ritrova in affanno, con gli ospedali siciliani che sono dei veri e propri cantieri, con posti letto di terapia intensiva e ordinari in fase di allestimento. A tal fine in Sicilia sono in corso di attuazione due piani. Uno regionale e l’altro nazionale. Il regionale è organizzato dal presidente della Regione Nello Musumeci e dall’assessore alla Sanità Ruggero Razza, con due step fissati domani, 15 novembre, e poi il 30 novembre. L’altro piano ospedaliero è finanziato con i soldi dello Stato ed è delegato a Musumeci che per gestirne l’attuazione ha scelto il dirigente in pensione Tuccio D’Urso. Ad oggi i nuovi posti letto di terapia intensiva realizzati per pazienti Covid sono 314. In base al bollettino di ieri i ricoverati in terapia intensiva sono 210. Ciò significa che in Sicilia sono rimasti liberi 114 posti. Ed è per tale ragione che in assessorato si mantiene un atteggiamento di allerta, ma non di preoccupazione, anche perché, nel frattempo, le riconversioni di altri reparti dovrebbe garantire nuovi posti letto sia in terapia intensiva e sub intensiva, che nei reparti normali Covid dove ad oggi i posti liberi sono 324. Il piano regionale si incrocia dunque con quello finanziato dallo Stato con 128 milioni di euro per altri 300 posti di terapia intensiva soprattutto nei due ospedali di riferimento in ambito regionale, ovvero il Cervello di Palermo e il San Marco a Catania. A ciò si aggiunge la riconversione covid di numerosi reparti, e tanti sono stati già letteralmente rasi al suolo dagli operai per allestire i posti d’emergenza. Non mancano quindi i disagi per i pazienti trasferiti altrove, i sindacati protestano, ma dall’assessorato regionale ribadiscono che a nessuno sarà negata la migliore assistenza. Si stima che, nel giro di due mesi, con il piano nazionale attuato dalla Regione dovrebbe esserci la disponibilità in Sicilia di ulteriori 253 posti di terapia intensiva e 318 di sub intensiva. Ancora nel frattempo si lavora per allestire Covid Hotel e riconvertire le residenze sanitarie per ospitare i positivi che necessitano di un basso livello di assistenza. Sono previste tre strutture ad Agrigento (già operative a Sciacca, Ribera e Canicattì), e poi in ogni provincia. L’indice di contagio Rt in Sicilia è all’1,18. L’Isola è dunque una delle cinque regioni in Italia sotto la soglia di pericolo dell’1,5. La media nazionale è scesa dall’1,7 all’1,4, ma ciò che continua a preoccupare, anche in Sicilia, è la capacità di resistenza ai ricoveri, sia nei reparti di terapia intensiva che in quelli ordinari. Le soglie di criticità sono prossime, e l’unica soluzione sono i nuovi posti letto.

Rispondi