La giudice monocratico del Tribunale di Agrigento Agata Anna Genna ha assolto dall’accusa falso e truffa, l’ingegnere Giuseppe Gabriele, dipendente del Comune di Ravanusa e il medico di Licata Armando Antona, perchè il fatto non sussiste. Il funzionario dell’Ufficio tecnico, nel giugno del 2015, venne arrestato e tradotto in carcere con l’accusa di essersi assentato dal lavoro, per 256 giorni in un anno e mezzo simulando – sostiene l’accusa – una malattia odontoiatrica per andare in Romania dove non sarebbe andato a curarsi i denti ma a coltivare i suoi interessi imprenditoriali. La pm Antonella Carrozzieri aveva chiesto la condanna a 4 anni e 2 mesi per Gabriele e 2 anni e 8 mesi per Antona. Gli imputati sono stati assistiti dagli avvocati Ignazio Valenza e Giuseppe Scozzari.

Rispondi