• Terzo focolaio ospedaliero scoperto in pochi giorni
  • Altri focolai in Case di riposo
  • Allarme per strutture ospedaliere miste
  • Presto ilpiano vaccini dedicato proprio al personale ospedaliero contro questi rischi

Sedici persone sono risultate positive al Covid nel reparto di Medicina Interna dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta: dieci pazienti, un medico, quattro infermieri e un Oss. I primi 3 pazienti erano stati trasferiti tre giorni fa nella divisione di Malattie Infettive. Questa sera sono arrivati i risultati dei tamponi molecolari per altri 7 pazienti positivi che, a loro volta, saranno trasferiti in quel reparto.

“In accordo con la direzione strategica e nell’ottica di tutelare la salute dei pazienti – spiega il primario facente funzioni del reparto, Antonio Burgio – si è stabilito che al momento i nuovi pazienti che necessitano di ricovero in Medicina Interna saranno ricoverati in Obi proprio per garantire la continuità assistenziale che non è mai stata interrotta. Lunedì, compatibilmente con i tempi del contagio, faremo nuovi tamponi ai pazienti che rimangono in reparto per verificare se ci sono altre persone che sono state contagiate. Siamo preoccupati per ciò che è successo ma stiamo continuando a lavorare nonostante la difficile situazione. Dopo il trasferimento dei primi tre pazienti è stato sanificato tutto il reparto e le stanze per evitare il contagio e riprenderemo anche domani con il trasferimento degli altri pazienti”.

Appena l’altro ieri era stato certificato un altro focolaio ospedaliero Covid19 nel reparto di Geriatria dell’ospedale Ingrassia. Qui sono stati accertati 11 casi tra infermieri, operatori e medici e 6 pazienti.

 

blogisicilia

Rispondi