Nel febbraio del 2021, nel mare siciliano, potrebbero ricominciare le trivellazioni a seguito del nuovo decreto Milleproroghe, che esclude la moratoria per le autorizzazioni a nuove ricerche di petrolio spianando la strada alle autorizzazioni a nuove domande di ricerca e trivellazione. A largo delle coste dell’Isola potranno essere attivati impianti fra Agrigento, Lampedusa e Pantelleria, a largo di Marina di Ragusa, e fra Marsala e Favignana, per conto di “Northern Petroleum”, “Eni” ed “Edison e Audax Energy”. Adesso spetterebbe ai ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo economico intervenire e bloccare tutto.

Rispondi