Nell’ambito dell’inchiesta cosiddetta “Spartacus”, che ruota intorno a illeciti su progetti di formazione professionale gestiti dal Ciapi di Priolo, la Corte dei Conti d’Appello ha ribaltato la sentenza di primo grado assolvendo, dall’imputazione di danno all’erario, l’ex presidente della Regione Rosario Crocetta, l’ex assessore regionale Ester Bonafede e l’ex dirigente generale Anna Rosa Corsello. In primo grado i tre sono stati condannati a pagare un risarcimento all’erario di 700mila euro ciascuno. I giudici contabili hanno inoltre confermato le assoluzioni degli altri assessori della giunta dell’epoca, ovvero Nino Bartolotta, Luca Bianchi, Lucia Borsellino, Dario Cartabellotta, Mariella Lo Bello, Nicolò Marino, Nelli Scilabra, Michela Stancheris, Patrizia Valenti e Linda Vancheri. In sintesi, la Corte ha ritenuto che tali progetti di formazione professionale avrebbero potuto anche rappresentare uno spreco di denaro ma non certamente imputabile all’amministrazione regionale.

Rispondi