La decisione di uccidere Mauro Rostagno è stata di Francesco Messina Denaro, padre del boss latitante Matteo. Così scrive la Cassazione nelle motivazioni di conferma dell’ergastolo per il boss Vincenzo Virga, mandante dell’uccisione di Rostagno, su input di Messina Denaro, “in un contesto decisionale – aggiunge la Cassazione – totalmente mafioso che esclude ‘piste alternative’ o ‘ripensamenti’. Francesco Messina Denaro disse di aver dato incarico a Vincenzo Virga di eseguire l’omicidio di Mauro Rostagno e questo particolare, riferito, tra gli altri, dal collaboratore di giustizia Vincenzo Sinacori, non è per nulla incompatibile con la ricostruzione di come operassero gli organi di vertice di Cosa Nostra nella deliberazione di omicidi eccellenti”.

Rispondi