Aveva pensato di mettere a frutto i suoi risparmi affittando un appartamento, dotandolo di ogni confort e di allestimenti come un impianto luci stroboscopico ed un “palo da lap dance” nonché, luci soffuse e sottofondo musicale nella stanza da letto, per trasformarlo in una casa “a luci rosse”. Insomma tutto l’occorrente per consentire ad una procace 50enne di prostituirsi.

Ma è stato scoperto dai carabinieri e denunciato per favoreggiamento della prostituzione. Protagonista della vicenda un 42enne di Palagonia (Ct) che svolgeva il suo ruolo preoccupandosi di pubblicare gli annunci su un giornale specializzato, contrattando telefonicamente i clienti, conducendoli all’interno dell’abitazione e fornendo ogni ripo di “assistenza”. Ad avvisare i carabinieri e fare scattare le indagini sono stati i residenti del quartiere, preoccupati per quel continuo andirivieni di uomini all’interno dell’abitazione. I militari hanno atteso pazientemente l’arrivo di un cliente per entrare all’interno della casa “a luci rosse” e porre fine all’ “attività imprenditoriale” dell’uomo. (ANSA).

Rispondi