Ad Agrigento, su proposta del direttore del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale, Vittorio Spoto, il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, ha disposto la sospensione temporanea dell’attività scolastica in presenza dell’Istituto professionale “Nicolò Gallo”, per porre in essere tutte le misure atte al contenimento della diffusione dell’infezione. A giustificare la richiesta sono stati i risultati positivi di sei alunni frequentanti l’istituto Gallo al test coronavirus, con sospetta variante inglese. Considerata la velocità di propagazione di tale variante, e l’alto numero di contatti stretti ed occasionali che avvengono o sono avvenuti dentro l’istituto, si è deciso di procedere con il blocco dell’accesso degli studenti in classe dal 17 al 30 marzo. Nel frattempo già da oggi si è proceduto alla sanificazione dei locali dell’istituto, così come in tutti gli altri istituti secondo un calendario concordato con i dirigenti scolastici.

Rispondi