All’On. Alberto CIRIO
Presidente della Giunta Regionale
Regione Piemonte
Piazza Castello, 165
 
Torino
 
Il Popolo della Famiglia, che ho l’onore di rappresentare in Piemonte, prende atto con vivo apprezzamento della Vostra proposta di aprire, presso i consultori e gli ospedali, sportelli gestiti dalle associazioni tra le cui finalità siano previste la tutela della vita, fin dal concepimento, e attività specifiche che riguardino il sostegno alla maternità e alla tutela del neonato. In tal modo sarà consentita la piena ed effettiva applicazione della legge 194, garantendo alle mamme anche il diritto di salvare la vita del proprio bambino.
In questa direzione va dato atto all’attuale Amministrazione di avere anche emanato, nel settembre u.s., una circolare che vietava la distribuzione della pillola RU 486 nei consultori e in day hospital, invitando anche all’attivazione di sportelli con associazioni come il Movimento per la Vita, Federvita Piemonte, i Centri aiuto alla Vita  operanti nel settore della tutela materna ed infantile. Di diverso avviso siamo invece rispetto all’approvazione all’unanimità del NIPT, che si intende rendere totalmente accessibile e a costo zero perché a carico della comunità, come del resto ogni aborto.

Cogliamo questa occasione per un appello urgente e convinto affinché codesta Giunta prenda in seria considerazione una proposta di legge di iniziativa popolare di cui il Popolo della Famiglia si è fatto promotore fin dal 2018, raccogliendo in tutta Italia ben oltre le 50.000 firme richieste. Purtroppo, pur essendo depositato da quasi due anni,  nessun partito, presente in parlamento e che pure si professi favorevole alla famiglia, se ne è fatto carico.

Si tratta del Reddito di Maternità: 1000 € al mese, per 8 anni, alle donne italiane che si dedichino in via esclusiva alla vita familiare e alla crescita dei figli.

Chiediamo alla Giunta di prendere in seria considerazione la necessità urgente di fornire alle donne piemontesi, ed alla loro famiglie, una soluzione economica concreta come il RdM a misura regionale.  Fornirà loro, in tal modo, l’opportunità di avvalersi di un diritto in più, quello di divenire mamme, incrementando così il potenziale di risorse umane, sociali, economiche e morali di cui l’Italia insieme al Piemonte si va inesorabilmente privando.

Grata per l’attenzione e per un gradito sollecito riscontro, porgo cordiali saluti.
Lucianella Presta
Coordinatore regionale del PdF-Piemonte

 

Rispondi