Come è risaputo la legge di bilancio del 2018 ha ridotto a due anni i termini per eccepire la prescrizione delle bollette delle utenze energia elettrica, gas, acqua ed altri servizi.

Quando vengono richiesti importi a conguaglio o risalenti  negli anni già prescritti,  i venditori  hanno l’obbligo di evidenziare all’utente tale circostanza e  distinguere le partite che sono prescritte da quelle che non lo sono.

Ciò non avviene sempre e tantissime persone ignorando i loro diritti pagano gli importi richiesti incrementando così vieppiù le casse delle società fornitrici.

Accade pure che malgrado l’utente abbia inviato la comunicazione di avvenuta prescrizione, il venditore ignori tale circostanza ed insiste nell’asserita pretesa creditoria. L’avv. Giovanni Crimi, Delegato di Palermo e Castelvetrano di Codici – Centro per i diritti del cittadino,  dichiara che “ recentemente l’Associazione  è intervenuta per chiedere la cessazione delle condotte illegittime riscontrate ottenendo da parte del Servizio Elettrico Nazionale l’annullamento per avvenuta prescrizione di una fattura di circa € 800,00 emessa a conguaglio  per il periodo 2013-2018  e le scuse per il disagio arrecato all’utente.

Appare assolutamente arbitrario e censurabile  il comportamento dei venditori che trascurando i diritti dei consumatori richiedono somme in  violazione della normativa vigente costringendoli a rivolgersi a professionisti del settore per l’annullamento delle fatture .

Poiché non è la prima volta che ciò accade gli atti verranno trasmessi all’Autorità Garante per l’adozione dei conseguenziali  provvedimenti “ Prosegue l’avv. Crimi che “ le bollette per consumi o conguagli risalenti di qualche anno debbono essere esaminate attentamente per accertare se vi sono somme di cui può eccepirsi la prescrizione e pertanto invito gli utenti a rivolgersi a Codici previo appuntamento telefonico al n. 347/6089153 “.

 

Associazione Consumatori Codici

Rispondi