Altri provvedimenti del Tribunale del Riesame nell’ambito dell’inchiesta antimafia nell’Agrigentino cosiddetta “Xydi”. Il Riesame ha sostituito la misura cautelare degli arresti domiciliari con l’obbligo di dimora ad Agrigento e di firma negli uffici di Polizia al poliziotto Giuseppe D’Andrea, 49 anni, di Agrigento, assistente capo in servizio al Commissariato di Canicattì, indagato di accesso abusivo a sistema informatico e rivelazione di segreto di ufficio. Confermate invece le misure cautelari dell’arresto in carcere a carico di Calogero Di Caro, 74 anni, di Canicattì, presunto nuovo capo del mandamento canicattinese, e del presunto stiddaro Pietro Fazio, 48 anni, di Canicattì.

Rispondi