Domani domenica 4 aprile ricorre il 29esimo anniversario dell’uccisione ad Agrigento, per mano della mafia, del Maresciallo Maggiore “Aiutante” dei Carabinieri, Giuliano Guazzelli, Medaglia d’Oro al Valor Civile “alla memoria”. A causa delle restrizioni anti-covid non sarà celebrata la tradizionale messa né si svolgerà la deposizione della corona di fiori al monumento sul luogo dell’agguato. Il Comando provinciale dei Carabinieri di Agrigento coglie l’occasione per ricordare le motivazioni della medaglia d’oro a Guazzelli: “Sottufficiale di elevatissime qualità professionali, impegnato in delicate attività investigative in aree caratterizzate da alta incidenza del fenomeno mafioso, operava con eccezionale perizia, sereno sprezzo del pericolo ed incondizionata dedizione al dovere e alle Istituzioni, fornendo costanti e determinanti contributi alla lotta contro la criminalità organizzata fino al supremo sacrificio della vita, stroncata da proditorio ed efferato agguato criminale. Eccelso esempio di preclare virtù civiche ed altissimo senso del dovere.”

Rispondi