La Corte d’Appello di Palermo ha confermato la condanna al risarcimento di 8mila euro inflitta all’ex assessore comunale di Raffadali, Vincenzo D’Amato, imputato di diffamazione a danno dell’attuale dirigente comunale di Agrigento, Gaetano Di Giovanni. D’Amato ha distribuito alcuni volantini tramite cui ha sollevato dubbi sull’affidamento a privati della gestione della riscossione dei tributi a carico dei cittadini morosi. Dopo la sentenza di primo grado, Di Giovanni affisse dei manifesti pubblici invitando la popolazione di Raffadali a consumare cornetto e caffè in un noto bar del luogo, e che avrebbe offerto lui.

Rispondi