A Santa Elisabetta, in provincia di Agrigento, una donna ha telefonato ai Carabinieri: “…venite, vi prego, mi vuole buttare fuori da casa con mio figlio, aiutatemi!…”. Una pattuglia dei Carabinieri è subito giunta sul posto dove G B, sono le iniziali del nome, pregiudicato di 48 anni, nonostante la presenza dei militari, ha continuato ad inveire contro la convivente, minacciandola di morte. L’uomo si è anche scagliato contro i Carabinieri, tanto che per contenerlo è stato necessario ricorrere all’ausilio di un’altra pattuglia giunta da Sant’Angelo Muxaro. E’ stato arrestato per maltrattamenti in famiglia, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, e adesso è recluso nel carcere di Agrigento. I Carabinieri aggrediti e la donna sono ricorsi alle cure ospedaliere. Lei già in passato ha denunciato il convivente.

Rispondi