“Aumento delle bollette in cambio di un lavoro ai figli”, D’Orsi indagato per corruzione @ https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/operazione-waterloo-accuse-ex-presidente-provincia-d-orsi.html

Cosa non si fa per i figli?

I figli come si sa, e ciò è comprensibile, anche se non giustificabile a livello giudiziario, ‘só pezzi di core’, anche quando si baratta la propria funzione, danneggiando un’intera collettività.

Giuseppe D’Orsi, consigliere comunale di Palma ed ex assessore, nel 2013 e nel 2014, è stato assunto alle dipendenze di Girgenti Acque e della società “gemella” Hydortecne. La sorella Simona, sempre – secondo l’accusa – in forza dell’accordo corruttivo, avrebbe avuto una collaborazione retribuita, dal 2014 al 2016, sempre per Hydortecne.

Contratti a termine ripetutamente rinnovati anche se il figlio di D’Orsi, ex presidente della Provincia Regionale di Agrigento, indagato nella qualità di commissario straordinario dell’Ato, non pare avere avuto un atteggiamento impeccabile.

Come emerge dal contenuto di un’intercettazione del 29 ottobre del 2014.

D’ORSI: Io ti sono eternamente grato e ti sono… e ti voglio bene, sul serio, a te e a tutta la tua famiglia, a… questo, ti voglio bene, perché…

CAMPIONE: Siccome, siccome Giuseppe qualche volta si è pure lasciato andare… tu sai poi i ragazzi si mollano no…

D’ORSI: Si e… lo so, lo… è stato, è stato redarguito, è stato redarguito.

CAMPIONE: Vorrei tanto non chiamarmi come mi chiamo, è una cosa secondo me che non…
…omissis….

D’ORSI: Alle otto e mezza sono là, Marcù, io Marcù… ma è inutile che ti esprimo tutta la mia gratitudine e tutto il mio affetto, io ti sono e ti sarò grato per tutta la vita, ma no detto… io sono un uomo, prima di ogni altra cosa, e grazie per l’affetto che riponi a Giuseppe, e questo è importante.

 

Rispondi