E’ bello, ma soprattutto è utile, leggere a distanza di tempo ciò che abbiamo scritto, per esempio, tra il 2015 ed il 2016, sul rapporto tra la stampa agrigentina e Girgenti Acque. I soldi delle salatissime bollette degli sfortunatissimi utenti, le cui tariffe erano determinate in maniera del tutto illegale, servivano non solo  per comprarsi, in un modo o nell’altro, i controllori di Girgenti Acque, ARPA, dirigenti dell’ATO idrico, un prefetto della Repubblica e persino il  presidente dell’Antitrust, Giovanni Pitruzzella, ma anche per comprarsi i giornalisti.

Questo mio pensierino, sopravvissuto alle querele, lo trovate ancora su facebook ed è del 25 giugno 2015.  Lo avevo dedicato all’allora direttore della redazione provinciale di Agrigento, del Giornale di Sicilia, tale Alfonso Bugea:

‘giornalisti come Bugea hanno preferito sempre tacere e buttare fango contro chi ha denunciato il legame che c’è, anche nell’Agrigentino, tra pezzi dello Stato e chi gestisce illegalmente acque e rifiuti.

Ecco come per un paio di posti di lavoro, garantiti dalla più inquisita delle aziende siciliane, Girgenti Acque, e da un ministro, adesso anch’egli inquisito, gente come lui si è svenduto le sorti di un’intera provincia, quella di Agrigento: ultima d’Italia in tutto e prima in quanto ai costi delle bollette di acqua e rifiuti!’

Mentre il 28 febbraio 2016 sul giornale online Il Compagno, e non solo, veniva pubblicata questa mia lunga riflessione su ciò che continuava ad accadere, ad Agrigento, a causa del rapporto malato tra la stampa di ‘regime’ e certi sedicenti imprenditori.

“Libertà va cercando, ch’è sì cara, come sa chi per lei vita rifiuta”.

Come e in cambio di cosa un giornalista agrigentino ha venduto se stesso, diventando un pennivendolo con l’etichetta antimafia. 

Se solo alcuni sedicenti giornalisti agrigentini avessero letto questo verso del Purgatorio, di Dante Alighieri, forse si sarebbero resi conto del loro delicato ruolo, sostanzialmente tradito, a causa della loro naturale compiacenza interessata, nei confronti dei potenti di turno. E così anche questo ultimo baluardo,  la libertà di stampa, cardine e fondamento di ogni moderna democrazia, in provincia di Agrigento, da qualcuno è stata miseramente contrabbandata, per ottenere  un posto di lavoro dentro Girgenti Acque,  per un figlio ed un altro posto,  targato ministro Alfano,  presso un Ministero,  per  un’altra figlia che, per fare la dirigente o consulente di non so cosa, ha avuto semplicemente bisogno di un diplomino. Alla faccia dei milioni di giovani  pluri laureati e pluri specializzati che, in Italia, aspettano pazientemente  il loro turno e si mettono in fila per fare un concorso! Qualcuno ricorderà  Humphrey Bogart, alias Ed Hutchinson, il famoso giornalista nel film  “L’ultima minaccia”, diretto da Richard Brooks, quando,  attaccato da  un magnate che mal sopportava di essere preso di mira dal suo giornale, nel momento in cui  venne minacciato di morte a telefono, qualora non avesse bloccato l’uscita del giornale, non si arrese. Diede  ordine al tipografo di procedere con la stampa e nel bel mezzo dell’assordante frastuono, tipico dello sferragliare delle vecchie rotative,  il cui concerto di rumori era una sorta di inno alla libertà, per tutti quanti i giornalisti americani d’altri tempi, alla Ernest Hemingway, per intenderci, gli rispose esclamando quella proverbiale frase che è rimasta scolpita a futura memoria: ‘Questa è la stampa, bellezza. E tu non ci puoi fare niente’. Ma ad Agrigento, quel film, i capo redattori  dei due maggiori quotidiani siciliani,  non l’hanno ancora visto,  altrimenti non si comporterebbero  come l’indimenticabile Marchese del Grillo, interpretato da   Alberto Sordi  quando dice: Io so’ io e voi non siete un cazzo ! Circa un anno fa un noto giornale locale pubblicò un lunghissimo elenco  di dipendenti, oltre 400,  che lavorano dentro Girgenti Acque, regolarmente raccomandati,  prima che partisse l’attuale raffica di inchieste giudiziarie, anche per mafia, che riguardano Girgenti Acque: Tra i numerosi nominativi  c’era pure quello della figlia del direttore  dell’Agenzia delle Entrate di Agrigento, del figlio del direttore  dell’INPS e di altri pubblici funzionari, oltre che  i parenti e gli amici degli immancabili politici e di qualche giornalista. Ci riferiamo a quel nutrito elenco di quei ” figli di un Dio Maggiore” cartina di tornasole della   la mappa del potere agrigentino, le cui articolazioni perverse sono chiaramente leggibili. Non si vuole biasimare i fratelli Calogero Gabriele e Federica,  ma il padre, Alfonso Bugea, caporedattore de Il Giornale di Sicilia di Agrigento, esempio della libertà di stampa tradita e  piegata ai voleri,  personali e familiari. I due  sono stati assunti,  grazie ai buoni uffici ed all’intercessione  del babbo,  il maschietto   dentro  Girgenti Acque, la sorella, con un semplice diploma, lavora, grazie al ministro Alfano, attualmente,  presso il  Ministero delle Risorse Agricole. Costei nel 2006, era partita in quinta, con un bel contratto di collaborazione in RAI per due anni;  poi è passata direttamente  alle dipendenze, per più di tre anni, del Ministero di Grazia e Giustizia, quale collaboratrice nella segreteria dell’ex ministro Angelino Alfano prima e poi del Sottosegretario Nitto Francesco Palma; per essere in seguito assunta presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali,  nel Gabinetto dell’allora ministro Nunzia De Girolamo e poi dell’attuale ministro Maurizio Martina.  Una bella carriera, non c’è che dire! E così, mentre incassava questa sorta di contropartita, dalle colonne del suo giornale, Bugea sparava a zero, contro chiunque attaccava, citando dettagliate denunce penali, Girgenti Acque ed il Ministro Alfano, ossia  i datori di lavoro dei suoi  figli.

Tante volte, per compiacere i suoi potenti amici,  ha  sbattuto dei finti mostri in prima pagina, dandoli in pasto all’opinione pubblica, attraverso la pubblicazione di suggestivi pastoni giornalistici in cui, puntualmente,  forniva  delle versioni dei fatti del tutto fuorvianti, tendenti anche a sviare il corso della giustizia. Nel frattempo, le popolazioni agrigentine, così abilmente distratte e disorientate, venivano  tartassate a più non posso dalle ditte amiche di Bugea e del ministro Alfano, che si occupano dell’illegale gestione di acqua e rifiuti.

Aziende  che hanno così potuto, tranquillamente, inquinare ogni singola porzione del territorio agrigentino,  facendo  pagare delle tariffe che risultano almeno il quadruplo della media nazionale; tutto ciò è stato possibile grazie alle protezioni giornalistiche  e politiche di cui hanno goduto, per continuare a far perpetrare delle illegali ed insopportabili gestioni dei servizi pubblici.

Il Bugea, ha organizzato e/o partecipato a centinaia di  convegni su legalità e mafia ed ha sfornato libri a ripetizione  per accreditarsi come  autentico antimafioso. Tra le sue fatiche letterarie  ‘Oltre il buio della mafia’,  che, alla luce dei fatti, si può tradurre  in “oltre il buio della mafia ci sono due posti di lavoro per i propri figli. Basta  rinunciare  alla libertà di stampa, tacere su delle mostruose illegalità che riguardano la gestione, nell’Agrigentino, di acqua, rifiuti ed immigrati e cospargere di fango coloro che denunciano da anni queste cose.

E quindi ecco un ‘un professionista dell’antimafia’

Il Bugea, per la verità è, ed è stato sempre  in buona compagnia: alla società a cui  si è rivolto,  per sistemare il figlio, abbondantemente  sotto inchiesta per una miriade di reati, oltre che per mafia, si sono rivolti anche decine di parlamentari, amministratori locali e funzionari pubblici, tutti quanti sotto inchiesta per voto di scambio-politico mafioso,  presso la Procura Distrettuale Antimafia di Palermo;   mentre già il primo funzionario è stato arrestato e trasferito a Palermo, per avere barattato una detrazione fiscale, non dovuta, in cambio del posto per la figlia.  Ci riferiamo al già citato dirigente dell’Agenzia delle Entrate di Agrigento, Pasquale Leto che, assieme a Marco Campione, è finito ai domiciliari e rischia di ritornarci  se la Cassazione,  entro marzo, accoglierà il ricorso della Procura della Repubblica di Agrigento.

“Come sono cambiati i tempi, per Giunone, quando per fare il mestiere, ci voleva anche un po’ di vocazione“, cantava Fabrizio De André. Forse si riferiva, nelle sue “storie di paese”  a Bocca di Rosa,  o a qualcuna che faceva lo stesso mestiere, ma, persino per prostituirsi,  ci vuole  un po’ di vocazione,  figuriamoci  quanta ce ne vuole per fare il giornalista!

Da tempo  sono state  presentate una serie di  interrogazioni parlamentari   in cui si tirano pesantemente in ballo,  il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede ed il ministro Alfano che, per tre anni  consecutivi, dal 2012 al 2015, hanno lasciato operare Girgenti Acque senza certificazione antimafia. Lo stesso prefetto non ha garantito l’accesso agli atti ai 25 parlamentari che hanno presentato l’ultima  interrogazione in proposito,  primo firmatario, il senatore Mario Michele Giarrusso  e pertanto, sempre il prefetto di Agrigento è stato convocato dalla Commissione Nazionale Antimafia per rispondere di questa ed altre eventuali  abusi e/o omissioni di atti d’ufficio, ma dovrà pure rispondere all’Autorità Nazionale Anticorruzione, presieduta da Raffaele Cantone,   dell’affidamento diretto da parte della Prefettura di Agrigento, senza gara,  per due anni consecutivi, del valore di  ben oltre 10 milioni di euro, per la gestione del centro per immigrati di Lampedusa alla società Le Misericordie di Firenze,  la cui direzione  era stata affidata in famiglia,  al suocero del fratello del ministro Alfano. Il senatore Giarrusso, ma anche  l’On. Riccardo Nuti,  di 5 Stelle, assieme all’on. Matteo Mangiacavallo, in più di un’occasione sono persino venuti ad Agrigento, davanti la Prefettura,  vicino alle redazioni provinciali de Il Giornale di Sicilia e La Sicilia, ad illustrare i contenuti delle loro interrogazioni che riguardano sia il ministro Alfano che il Prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, ma   queste due testate giornalistiche,  non hanno  dedicato mai un solo rigo a queste iniziative parlamentari che rischiano  di avere dei pesanti risvolti giudiziari.

Non un rigo sui contenuti delle denunce pubbliche, delle interrogazioni parlamentari e dei pesanti atti ispettivi che hanno portato alle numerose inchieste giudiziarie  in corso e  che possono riservare degli sviluppi giudiziari clamorosi,  e comunque vada, rischiano di decapitare l’intera classe politica e classe dirigente agrigentina.

Basta qui non solo evocare le grane giudiziarie di Girgenti Acque, ma anche gli affidamenti diretti, per centinaia di milioni di euro, senza gara, assicurati  ad alcune aziende che si occupano della raccolta e trasporto dei rifiuti e,  tra queste,  ce n’è una  che si occupa di rifiuti speciali, pericolosi e tossici,  ossia la SEAP, il cui titolare,  Sergio Vella,  è  compare d’anello del ministro Alfano. Tale azienda scarica senza effettuare alcun pretrattamento, questi rifiuti tossici,  nella discarica di Siculiana – Montallegro, di proprietà del vicepresidente di Confindustria Sicilia, Giuseppe Catanzaro; il che non sappiamo se è consentito dalle vigenti normative o se,  piuttosto,  non è l’ennesimo attentato alla salute ed alla vita degli abitanti, in modo particolare dei due comuni dove ricade il megaimmondezzaio del vice  di Antonello Montante, attualmente sotto inchiesta, tanto per cambiare, per mafia.

Relativamente al sotterramento indiscriminato dei rifiuti, compresi quelli tossici e nocivi,  è stato presentato  un esposto -denuncia presentato dall’ex  comandante dei vigili urbani di  Montallegro, Filippo Tavormina,  ad agosto dello scorso anno,  presso la Procura della Repubblica di Agrigento ed indirizzato ad una miriade di enti ed autorità preposte al controllo del territorio, compresi i Carabinieri del NOE (Nucleo Operativo Ecologico) .

Peraltro, quella mega discarica, diventata in maniera rocambolesca, privata, è stata  illegittimamente autorizzata, secondo quanto  ha riferito  lo scorso anno, alla Commissione Parlamentare Nazionale d’Inchiesta che si occupa di questo genere di reati ambientali,  il dirigente regionale ed attuale capo del Corpo Forestale Siciliano, Gaetano  Gullo.

Stiamo parlando del coinvolgimento,  ad altissimo livello,  nella scellerata gestione di Girgenti Acque, dei rifiuti e dei centri per immigrati, di un prefetto che obbedisce ciecamente ad un Ministro dell’Interno, Angelino Alfano,  del quale è stato, tra l’altro, capo della sua segreteria politica. Ma anche il ministro dell’Interno, recentemente è stato raggiunto anche da un  avviso di garanzia,  per abuso d’ufficio,  in relazione alla scandalosa gestione dell’Università privata Kore di Enna. Ma il direttore del Giornale di Sicilia e buona parte della stampa agrigentina,  di tutto questo  non hanno mai detto nulla..

Il buon padre di famiglia, Alfonso Bugea, conscio del fatto che i figli so pezz’e core, ha preferito sistemare i figli con Girgenti Acque e con Angelino Alfano, piuttosto che scontrarsi con aziende che si occupano di acque e rifiuti, nonché con il Prefetto o con il direttore  dell’Agenzia delle Entrate, al quale ha espresso, nel suo giornale,  cieca e totale solidarietà,  appena gli hanno revocato gli arresti domiciliari., schierandosi  a spada tratta,  a fianco di Girgenti Acque e del suo padre-padrone, l’imprenditore agrigentino, Marco Campione,   anche a costo di   mettersi  contro la  Procura ed il  Tribunale di Agrigento.

In questi anni  Bugea ha lisciato tutti quanti i potenti,  non ha disdegnato di continuare imperterrito a  triturare con articoli, anche  a dieci colonne,  le vite e le storie di tutti coloro che  hanno contrastato potentati e lobby che gestiscono acqua e rifiuti Una difesa d’ufficio   per ottenere,  e non per onorare verità  e giustizia sociale.

Andando avanti di questo passo, tra la crisi della carta stampata ed i capi redattore, per così dire,  un po’ scorretti, le redazioni  agrigentine de Il Giornale di Sicilia di Agrigento, ma anche del giornale La Sicilia,  così mal dirette,  sono  destinate  a chiudere i battenti. E ciò dispiace tantissimo. E’ necessario, a questo punto,  fare qualcosa di serio, per  respirare quel  profumo di libertà che in provincia di Agrigento manca da troppo tempo e per salvare il diritto ad essere informati correttamente cosa che è l’essenza stessa della  democrazia.

Salvatore Petrotto

https://www.ilcompagno.it/liberta-va-cercando-che-si-cara-come-sa-chi-per-lei-vita-rifiuta-salvatore-petrotto/

E mentre io scrivevo questo e tanto altro ancora su Girgenti Acque, l’allora direttore della redazione provinciale del Giornale di Sicilia, Alfonso Bugea, peraltro debitamente intercettato mentre conversava,  molto amabilmente, con il ras di Girgenti Acque, Marco Campione,  stando agli atti della Procura della Repubblica di Agrigento,  aveva fatto e continuava a fare quanto segue…

Per BUGEA Alfonso

2) Artt. 110, 416 commi 1 e 5 c.p. Perché, contribuiva concretamente, pur senza fame parte, al rafforzamento ed alla realizzazione degli scopi dell’organizzazione a delinquere guidata da CAMPIONE Marco (Presidente del C.d.A. di GIRGENTI ACQUE S.p.a. e amministratore di fatto delle Società del Gruppo CAMPIONE, in particolare della GIUSEPPE CAMPIONE S.p.A. e della CAMPIONE INDUSTRIES S.p.A.), i cui componenti si associavano tra loro al fine di commettere più delitti contro la Pubblica Amministrazione, frode in pubbliche forniture, violazione di sigilli, furto, ricettazione, contraffazione di marchi registrati, nonché più reati tributari, societari e in materia ambientale,. In particolare, fotte del suo molo di “redattore responsabile” della redazione di Agrigento del Giornale di Sicilia, svolgeva di fatto un’attività di ufficio stampa occulto a disposizione e a tutela degli interessi di CAMPIONE Marco e della GIRGENTI ACQUE S.p.a. (Gestore del Servizio Idrico Integrato – S.I.I. nella provincia di Agrigento): • Anticipando il contenuto di articoli del Giornale di Sicilia, prima della loro pubblicazione, aventi ad oggetto la Gestione del Servizio Idrico Integrato nella provincia di Agrigento e i complessi rapporti tra il Gestore del Servizio, gli Enti Locali e le altre Autorità pubbliche; • Mettendosi personalmente a disposizione nei confronti di PONZO Giandomenico (Direttore Generale di GIRGENTI ACQUE S.p.a.) e di CAMPIONE Marco per pubblicare sul Giornale di Sicilia le osservazioni di GIRGENTI ACQUE S.p.a. sulle vicende che riguardavano il S.I.I., contestualmente alla pubblicazione di fatti che potevano mettere in cattiva luce l’operato della Società; • in alcuni casi suggerendo il contenuto di comunicati che GIRGENTI ACQUE S.p.a. avrebbe fornito agli organi di stampa, per tentare di oscurare o quantomeno di diminuire la potenzialità lesiva di notizie che potevano mettere in cattiva luce l’operato della Società nella gestione del S.I.I; Ricevendone in cambio benefici economici data dalle assunzioni del figlio BUGEA Gabriele Calogero (classe 1991) presso la HYDORTECNE S.r.l. (società controllata al 100% da GIRGENTI ACQUE S.p.a.), decise da CAMPIONE Marco, in particolare • Il 28/10/2014 veniva assunto presso la HYDORTECNE S.r.l. con contratti di collaborazione a progetto”, illegittimamente prorogati sino al 30/06/2015;

  • Il 01/07/2015 veniva assunto dalla HYDORTECNE s.r.l. quale lavoratore dipendente a tempo indeterminato; In Agrigento e Favara fino al gennaio 2018.

Campione, in quei convulsi frangenti, era molto preoccupato per  un mio articolo,  pubblicato  su Primo Piano News, un periodico in cui veniva riportato anche l’intero elenco delle persone assunte da Girgenti Acque in cambio di…

CAMPIONE: (incomprensibile) … gli hanno detto di là, li dovevano estrarre di là …

MA CALUSO: Però io ho visto quello che hanno pubblicato, perché adesso che sono arrivata, ho avuto modo … allora i nomi e … e … PETROTTO che in tutto questo sta scrivendo, i nomi che sono pubblicato, che sono pubblicati, sono pubblicati in maniera distorta, ci sono nomi che completamente non abbiamo mai avuto, neanche come co.co.pro, assolutissimamente e sono nomi distorti tipo … un cognome con un altro nome non …

CAMPIONE: Eh, eh …

MACALUSO: Non è chiaro quindi è così, quindi ora vediamo esattamente loro che cosa hanno ….

CAMPIONE Marco, nella conversazione sopra indicata, ipotizza che qualcuno abbia fornito agli ispettori INPS una lista precisa di dipendenti su cui indagare. Dal colloquio con la MACALUSO Maria Rosaria sembra che CAMPIONE facesse riferimento, in particolare, a un articolo, che aveva denunciato un sistema di assunzioni clientelari in GIRGENTI ACQUE S.p.A. e in HYDORTECNE s.r.l., a firma di PETROTTO Salvatore, pubblicato sul quindicinale “Primo Piano News” (senza data di pubblicazione) , uscito poco l’audizione del 12/03/2015 dell’allora Procuratore Aggiunto della Procura della Repubblica dr. Ignazio FONZO dinanzi alla “Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali”.

Rispondi