LA PRO LOCO MONTALLEGRO IMPUGNA IL DECRETO DELL’ASSESSORE CORDARO
La PRO LOCO MONTALLEGRO comunica che in coerenza con gli obiettivi e le finalità del proprio statuto,
in data 28 giugno 2021 ha provveduto ad impugnare innanzi al TAR di Palermo il decreto emesso
dall’Assessore regionale al Territorio e Ambiente con il quale è stata rilasciata la positiva valutazione di
impatto ambientale (VIA) relativa al progetto di un impianto di trattamento di rifiuti che la Ditta Catanzaro
Costruzioni vorrebbe realizzare in adiacenza alla mega discarica di rifiuti gestita dalla medesima sita nella
Contrada Matarana del Comune di Montallegro.
Attraverso il ricorso, i legali ed i tecnici incaricati hanno evidenziato, sotto il profilo sostanziale e procedurale,
molteplici profili di illegittimità relativi alla procedura amministrativa conclusasi con il rilascio del
provvedimento impugnato e ne hanno richiesto l’annullamento in quanto provvedimento propedeutico per
ottenere l’autorizzazione alla costruzione dell’impianto, riservandosi, nel contempo, di segnalare ad altra
Autorità giudiziaria ulteriori profili di specifica competenza emersi a seguito dell’esame degli atti della
procedura.
La PRO LOCO MONTALLEGRO ha ritenuto di agire in base al proprio statuto al fine di tutelare l’ambiente
del proprio territorio già da molti anni compromesso e segnato dalla mega discarica di rifiuti che ha penalizzato
la salute e la qualità della vita della comunità, la vocazione turistica del paese fino al punto di finire, di recente,
sotto i riflettori di una indagine promossa dalla Procura della Repubblica di Agrigento per violazioni di natura
ambientale.
La costruzione di un nuovo impianto di trattamento di rifiuti nel Comune di Montallegro rischierebbe di
provocare un gravissimo impatto ambientale su un territorio già sensibilmente provato che non può assistere
inerme alla lesione irreversibile della propria vocazione agroturistica che, piuttosto, va tutelata, salvaguardata
e potenziata.
Per tale ragione la PRO LOCO MONTALLEGRO cercherà, con ogni strumento messogli a disposizione
dalla legge, di impedire la concretizzazione di questo rischio ed agirà in sede amministrativa, penale e civile
per la salvaguardia e la difesa dell’ambiente del proprio territorio.
Si fa appello, quindi, a coloro i quali vorranno contribuire in questo percorso di legalità e di salute pubblica, a
sostenere questa lotta civica che non ammetterà più alcun compromesso alle spalle dei montallegresi.

Rispondi