Sono una trentina i casi di variante Delta del Covid19 sequenziati in Sicilia da maggio ovvero da quando si è iniziata a cercare questa specifica mutazione del virus che lo rende più aggressivo e contagioso.

Il dato esatto dell’incidenza della variante nell’isola si conoscerà solo fra qualche giorno quando sarà completato lo studio effettuato dalle Regioni insieme al centro nazionale di riferimento. Sono in corso, infatti, i sequenziamenti di altri tamponi sospetti. Di fatto, però, l’incidenza in Sicilia appare bassa rispetto alla media del Paese e soprattutto molto bassa rispetto alla media europea. Si tratta, infatti, di circa il 2% rispetto ai contagi di oltre un mese.

C’è poi da considerare che dei 30 casi riscontrati quasi la metà, 14 per l’esattezza, sono stati sequenziati su migranti che attualmente si trovano in isolamento sulla nave quarantena che si trova a Lampedusa. Una persona contagiata è stata intercettata in aeroporto a Palermo e un altro caso riguarda un diplomatico che partecipava al G20 di Catania.

blogsicilia

Rispondi