A Licata un operaio originario del Marocco, di 22 anni, si è presentato nella caserma dei Carabinieri in evidente stato di alterazione psicofisica. Senza alcuna ragione, il giovane, con precedenti di polizia, si è scatenato in escandescenze minacciando e aggredendo i Carabinieri, e danneggiando anche un’automobile dei militari, colpendola violentemente con calci e pugni. Lui ha tentato la fuga, ma è stato subito bloccato e arrestato per resistenza, minaccia, oltraggio a Pubblico Ufficiale e danneggiamento. Su disposizione della Procura della Repubblica di Agrigento, il giovane è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del giudizio direttissimo innanzi al Tribunale di Agrigento.

Rispondi