Partendo anche dalle ultime vicende assurte agli onori della cronaca, che hanno riguardato la provincia di Agrigento con il caso “Girgenti Acque”, al netto delle refluenze penali, la sensibilità dell’opinione pubblica, tra l’altro, è stata colpita dalla affaire relativo alle assunzioni.
In data odierna, si è tenuta apposita seduta di commissione, tra l’altro con audizione.

E’ il commento dell’On. Carmelo Pullara, Presidente della Commissione speciale per il monitoraggio e l’attuazione delle leggi.

Al centro il tema degli obblighi di trasparenza e pubblicità – spiega Pullara – in particolar modo, per le società che operano, a qualsivoglia titolo, per gli enti locali, forniscono prestazioni agli enti locali e finalizzata agli obblighi di pubblicità dei soggetti che dalle stesse società vengono assunte. In tal senso vi è un preciso obbligo di legge determinato dall’Art. 34, legge regionale, 21 Maggio 2019, n 7.
La norma infatti, prevede l’obbligo, per gli enti locali di provvedere alla pubblicazione, in un’apposita sezione del portale web dedicata alla trasparenza, dell’elenco aggiornato di tutte le aziende erogatrici di beni e servizi presso l’ente medesimo.

Detto elenco  – prosegue il deputato – deve riportare il numero, i nominativi, le mansioni e la tipologia contrattuale per personale assunto da ciascuna azienda, anche partecipata. In tal senso abbiamo audito l’assessorato, invitandolo ad emanare agli enti locali l’apposita direttiva di sollecito a porre in essere l’adempimento di che trattasi, evidenziando nel contesto dell’audizione, che i due ambiti maggiormente nevralgici, ai fini della permeabilità alle assunzioni così dette di favore, risultano essere due: quello relativo alla gestione del servizio idrico e quello relativo alla gestione dei rifiuti.

La commissione  – conclude Pullara – continuerà il monitoraggio sull’attuazione della norma, attendendo fin da subito di ricevere copia della circolare-direttiva, nonché il monitoraggio dell’adempimento.

 

 

Rispondi