La Procura di Sciacca ha avviato un’inchiesta perché alcuni imprenditori vitivinicoli hanno denunciato ai Carabinieri di avere ricevuto minacce ed estorsioni tramite mail ricevute da mittente sconosciuto. In alcune mail si legge: “Dateci 15mila euro o avveleniamo il vostro vino”. Oppure “Dateci 15mila euro per impedire la messa in commercio di bottiglie di vino adulterate con veleno cianuro”. Le mail sono state inviate dal 5 agosto fino allo scorso 8 settembre.

Rispondi