Ad Augusta, in provincia di Siracusa, i Carabinieri hanno eseguito una misura cautelare emessa dal Tribunale di Siracusa a carico di una maestra di un asilo di Augusta, che è stata sospesa per un periodo di 10 mesi a seguito delle aggressioni ai danni dei bambini della sua classe. Le indagini, coordinate dalla Procura, sono state avviate dopo le denunce di alcune madri preoccupate per il comportamento anomalo dei loro bambini ritenuto riconducibile, a loro avviso, all’atteggiamento violento della maestra. Grazie alle telecamere piazzate all’interno della classe, ed alle intercettazioni ambientali audio e video disposte dalla Procura di Siracusa, in poco tempo è stato possibile riscontrare, giorno dopo giorno, i sospetti dei genitori. Le immagini e le intercettazioni ambientali hanno infatti permesso di accertare che la donna quasi quotidianamente, e senza alcuna ragione, si rivolgeva ai bimbi con frasi denigratorie, e li intimoriva ricorrendo in più occasioni a
violenze fisiche e verbali gratuite.

Rispondi