Il leader palermitano di Forza Nuova, Massimiliano Ursino, è stato arrestato nell’ambito delle indagini sull’assalto alla sede della Cgil a Roma, avvenuto lo scorso 9 ottobre. E’ indagato di resistenza pluriaggravata e devastazione aggravata. Oltre a Ursino è stato arrestato anche un altro esponente della formazione di destra di Arezzo. I due sarebbero stati immortalati dalle telecamere durante l’irruzione nella sede storica del sindacato di Corso Italia. Ursino, difeso dall’avvocato Enrico Sanseverino, si è scattato anche un selfie davanti alla sede della Cgil, prima del raid, e ha pubblicato la foto sui social: in primo piano si riconosce Giuliano Castellino, il leader romano del movimento di estrema destra arrestato dopo gli scontri.

Rispondi