Il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Agata Genna, ha inflitto 8 mesi di reclusione a Renato Salamone, 28 anni, di Favara, e ha assolto, con la formula “per non avere commesso il fatto”, la moglie, Marianna Bello, di 34 anni. I due coniugi sono stati arrestati lo scorso 26 luglio per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti a fine di spaccio. Nella soffitta della loro casa i Carabinieri hanno scoperto una serra adibita alla coltivazione di 11 piante di marijuana, e dentro una scatola oltre mezzo chilo di marijuana. Il pubblico ministero, a conclusione della requisitoria, aveva chiesto per entrambi la condanna a 12 mesi.

Rispondi